Tecnologia: che nessuno rimanga indietro!

  14 Gennaio 2020  >   Flash · Progetti · Ultime notizie

Mentre la tecnologia avanza, ecco come assicurarsi che nessuno rimanga indietro

Aiutare ogni bambino a vedere

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ci sono 19 milioni di bambini non vedenti (PDF) in tutto il mondo. 

La posta in gioco è molto più alta dello strabismo per vedere la lavagna in classe di matematica. Di questi 19 milioni di bambini, tre su cinque hanno condizioni gravi che possono portare alla cecità permanente. 

 La triste verità è che la maggior parte di queste condizioni sono prevenibili e curabili se le prendi presto.

La sua startup, DIVE-Medical ha sviluppato un’applicazione chiamata Track.Ai . Utilizza un piccolo dispositivo che traccia il modo in cui gli occhi dei bambini rispondono ai cartoni animati. 

Alimentato dai chip AI sui nostri smartphone, Track.Ai può aiutare a diagnosticare disturbi visivi nei bambini di appena sei mesi.

Rendendo la sua soluzione il più accessibile possibile, ha effettivamente rimosso le barriere alla diagnosi precoce, anche nelle comunità più remote del mondo che non hanno accesso a risorse mediche di alto livello.

Non lasciare nessuno indietro

Si parla molto della Quarta rivoluzione industriale , un’era di trasformazione in cui convergeranno tutti i tipi di tecnologie diverse, la velocità dell’innovazione salirà alle stelle e quasi ogni industria cambierà il modo in cui funziona.

Detto questo, è facile essere entusiasti delle cose straordinarie che possiamo fare con le nuove scoperte della tecnologia digitale. Ma è anche facile perdere di vista il fatto che una tecnologia più complessa – e costosa – probabilmente lascerà dietro di sé ampie fasce della popolazione.

Occorre progettare la tecnologia in modo che sia inclusiva fin dall’inizio.

La tecnologia è inutile se le persone non possono usarla

L’industria tecnologica ha lavorato sul divario digitale per anni, concentrandosi principalmente sulla connettività e garantendo che le persone di ogni ceto sociale abbiano pari accesso agli strumenti del mondo moderno.

Ma l’inclusività non si ferma alla connessione, riguarda anche applicazioni e competenze.

Le applicazioni sono il modo in cui creiamo valore pratico con la tecnologia, che si tratti di utilizzare gli smartphone per diagnosticare malattie agli occhi nei bambini o di sviluppare servizi di denaro mobile accessibili.

Oltre a sviluppare le giuste applicazioni, dobbiamo assicurarci che tutte le persone e le imprese (specialmente le piccole imprese) possano effettivamente utilizzarle.

Secondo l’indagine della Commissione europea sul divario di competenze digitali nell’UE, il 43% delle persone nell’UE non sa come svolgere attività di base come la ricerca di informazioni online.

Tutti, ovunque, sempre

Connettere le persone, sviluppare le giuste applicazioni e insegnare le competenze di cui hanno bisogno per prosperare nel mondo digitale: queste sono tutte sfide complesse e l’unico modo in cui possiamo superarle è lavorare insieme.

La nuova piattaforma UpLink del World Economic Forum è un ottimo modo per iniziare. È un luogo in cui persone, organizzazioni e aziende coinvolte possono riunirsi, scambiare idee e coordinare gli sforzi per risolvere i principali problemi che affrontiamo oggi nel mondo.

Se sei interessato a un futuro più equo, prospero e sostenibile, dai un’occhiata e vedi come puoi essere coinvolto.

 

Maker Faire Rome The European Edition si impegna da ben sette edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile proprio con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno.

L’articolo che hai appena letto è stato pubblicato in Inglese il 6 gennaio da Blog del Word Economic Forum . Leggi la versione integrale qui