MFR19 Reloaded

Non eri tra le oltre 103mila persone che hanno partecipato alla settima edizione di Maker Faire Rome nel 2019? 

Qui puoi farti un’idea di cosa hai perso!

Dal 18 al 20 ottobre 2019 a Maker Faire Rome si sono dati appuntamento gli appassionati di tecnologia, gli artigiani digitali, le scuole, le università, gli educatori, i centri di ricerca, gli artisti, gli studenti, le imprese e un pubblico di curiosi di ogni età pronti a fare un salto nel futuro!

Innovazione tecnologica e rispetto ambientale hanno caratterizzato la settima edizione del più grande evento europeo sull’innovazione. Con MFR19, infatti, si è adottato per la prima volta un approccio carbon neutral per partecipare attivamente alla lotta ai cambiamenti climatici.
L’intento era di iniziare un percorso virtuoso, difficile ed impegnativo, che potesse ridurre l’impatto ambientale della Fiera trasformandola in un evento di grande valore ambientale, oltre che tecnologico. Buona parte delle emissioni di gas serra generate nei giorni di apertura della manifestazione saranno a breve compensate attraverso la piantumazione del bosco Maker Faire Rome i cui alberi saranno singolarmente tracciati con un Code ed un sistema di geo localizzazione.

Nell’ambito dell’evento, inoltre, è stata utilizzata unicamente energia certificata prodotta da fonte rinnovabile.

A sostegno di questo ambizioso progetto, tutto il materiale utilizzato per somministrare food & beverage era integralmente biodegradabile e compostabile certificato. 

Cosa si è visto nell’edizione 2019? 

Robotica e intelligenza artificiale, economia circolare, IoT – Internet delle cose, manifattura digitale, foodtech, agritech, urbantech, mobilità smart, tecnologie per lo sport e la salute, edilizia sostenibile, realtà virtuale e aumentata, spazio, artech ed edtech; questi alcuni dei temi protagonisti dell’edizione 2019.

722 sono i progetti che hanno costituito l’esposizione di Maker Faire Rome 2019 occupando 7 padiglioni della Fiera di Roma suddivisi per Aree tematiche:

  • Padiglione 3: Re-think
    Bioeconomy, Circular Economy, Energy, Food & Agriculture
  • Padiglione 5: Learn
    Drones, Kids, Schools, Young Makers
  • Padiglione 6: Create
    Art, Cultural Heritage, Design, Health, Music, Sport
  • Padiglione 7: Discover
    Aerospace, EdTech, Science
  • Padiglione 8: Make 
    3D Printing, Digital Fabrication, Electronics, Startup
  • Padiglione 9: Research 
    Artificial Intelligence, Robotics
  • Padiglione 10: Agorà
    Conference, Virtual Reality

Guarda tutti gli espositori di Maker Faire Rome 2019

I TEMI

Maker Art

Un progetto che si proponeva di indagare la relazione tra arte contemporanea e nuove tecnologie, attraverso la creazione di percorsi sinergici e integrati tra maker e artisti internazionali selezionati. L’obiettivo era la realizzazione di una vera e propria mostra di installazioni interattive all’interno della manifestazione, in grado di coinvolgere il pubblico presente e di rappresentare i tanti e diversi modi di interpretare la cultura dell’innovazione tecnologica. 

>>> Guarda i dettagli su Maker Art

 

Spark – Light on EdTech 

Una sezione dedicata al mondo delle tecnologie per l’educazione, strutturata in talk e spazi espositivi. Nel mondo della scuola, delle aziende e della ricerca le nuove tecnologie come robotica, realtà aumentata e AI stanno offrendo nuove possibilità per migliorare l’educazione e la formazione. Nello spazio Spark – Light on EdTech, allestito in collaborazione con il MIUR, abbiamo raccontato le novità del settore, condiviso nuove idee e offerto momenti di condivisione culturale. Il tutto per creare un network strategico a livello europeo che permetta uno scambio diretto di best practice fra formatori, ricercatori, aziende, studenti e, più in generale, tra le figure chiave delle tecnologie applicate all’educazione.

 

Robotica e Intelligenza Artificiale

Nelle precedenti due edizioni gli organizzatori di Maker Faire Rome, confortati da un crescente interesse di pubblico, hanno puntato molto sulla robotica e sull’intelligenza artificiale. Basti pensare che, su questi temi, si è passati da un’area espositiva di 400mq nel 2017 agli oltre 1000 del 2018, con un forte incremento del numero di prototipi e conferenze dedicate. La qualità degli espositori e dei relatori ha fatto la differenza. E a conferma del forte interesse verso questi temi, per l’edizione 2019 abbiamo assistito a un decisivo balzo in avanti: è stata, infatti, avviata una stretta collaborazione con l’Istituto di Robotica e Macchine Intelligenti (I-RIM), che ha l’obiettivo di far dialogare il mondo della ricerca e dell’accademia con il mondo delle imprese e dell’industria. L’evento di lancio del nuovo Istituto è stato ospitato all’interno di MFR 2019 in un’apposita area espositiva con set up dimostrativi e progetti di eccellenza provenienti da tutto il mondo. Non sono mancate conferenze di disseminazione scientifica di alto livello ed eventi di matchmaking.

 

Economia Circolare

La grande questione dell’economia circolare e, in particolare, la bioeconomy, il greenbuilding e il greentech sono temi quanto mai attuali che MFR ha trattato, con successo, proponendo dimostrazioni pratiche e ospitando dibattiti dei massimi esperti in materia.

 

Aerospazio 

Anche quest’anno, poi, Maker Faire Rome ha ospitato un’ampia sezione orientata al settore spaziale, con lo scopo di concentrare le discipline, le attività e le realizzazioni attinenti o da essa derivanti. Il tema è stato l’esplorazione umana di Marte e, in particolare, il ruolo che i makers avranno nei primi insediamenti permanenti sul Pianeta Rosso. L’obiettivo di questa area, curata dalla British Interplanetary Society, era raccogliere esperienze, invenzioni, innovazioni e conoscenze che possano avere un’applicazione pratica in questo nuovo contesto.

E poi…

Altra novità importante dell’edizione 2019 è stata Ask Me Anything un ampio spazio dedicato all’orientamento verso la cultura del digitale per le Pmi. Un pool di esperti era a disposizione di imprenditori e professionisti per orientarli all’innovazione di processo e di prodotto con appuntamenti e incontri mirati.

La parte formativa non è stata meno interessante: 391 centinaia tra conferenze, seminari e workshop su temi come industria 4.0, domotica, droni e robotica, stampa 3D, IoT – Internet delle cose, tecnologia applicata ai mezzi di trasporto, cucina e musica. Numerosi anche i demo-workshop, ovvero, i corsi dimostrativi sulle applicazione della fabbricazione digitale.

 

Education 

Come sempre, l’area kids era un intero padiglione dedicato all’apprendimento e al divertimento dei più giovani con i progetti delle scuole, i laboratori per i piccoli maker e tante attività di intrattenimento per divertire ed imparare.

 

L’Opening Conference di “Maker Faire Rome – The European Edition” 2019 si è svolta giovedì 17 ottobre nel cuore della Capitale. 

GROUNDBREAKERS – RE:MAKING THE FUTURE”, questo il titolo di un evento spettacolare di due ore colme di storie di innovazione raccontate da speaker internazionali di grande rilievo. 

Groundbreakers, ossia pionieri, apripista, sono coloro che lavorano nel presente con ciò che costituirà la nostra normalità di domani.

Con la partecipazione ironica di Lercio.it e il video saluto di Luca Parmitano dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Durante l’evento sono stati annunciati e premiati i vincitori dei contest “Make Christmas Lights” (Acea) e “Make to Care” (Sanofi – Genzyme).

 

Aspettando MFR19

Guarda cosa abbiamo organizzato Aspettando MFR19, il programma di iniziative che precede la manifestazione e che ogni anno ci aiuta a richiamare l’attenzione sui temi dell’innovazione che saranno poi protagonisti del grande evento di ottobre.