#IORESTOACASA: LA CULTURA TI FA COMPAGNIA

  9 Marzo 2020  >   Eventi · Progetti · Protagonisti · Ultime notizie

MUSEI E EVENTI SI TRASFERISCONO ONLINE: COLLEZIONI, MOSTRE, PERFORMANCE E SPETTACOLI SUL WEB E SUI social

 

L’epidemia di Coronavirus e le conseguenti misure sanitarie adottate dal Governo per prevenire ulteriori contagi su tutto il territorio nazionale stanno senza dubbio minando anche il sistema della cultura e dell’intrattenimento. In questa situazione di attesa e di stop e rinvii forzati, musei e istituzioni culturali, dalle fondazioni ai teatri, provano per quanto possibile a non fermarsi e a portare avanti le proprie attività, anche a porte chiuse, con l’aiuto della tecnologia.

Soluzione, questa, già adottata in Cina, dove il governo ha invitato i musei a rimanere attivi sui propri canali social e a organizzare mostre virtuali sui propri siti web. Lo stesso Ministro dei Beni Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, ha invitato a trasferire online, per quanto possibile, le attività e ad organizzare i contenuti di mostre, eventi e spettacoli perché possano essere fruiti piacevolmente anche da remoto. 

Un’opportunità che spaventa, da un lato, chi non aveva ancora preso in considerazione questa modalità di relazione con il proprio pubblico, ma che offre indubbi vantaggi: primo tra tutti, quello di mantenere saldo il presidio e di accelerare il processo di digitalizzazione e apertura al nuovo di tante istituzioni culturali. 

Quando l’emergenza finirà – e finirà, come finiscono tutte le emergenze, possiamo esserne certi – il nostro sistema culturale avrà superato una delle sfide più impegnative che si sia mai trovato a fronteggiare e avrà generato format e contenuti che ne permetteranno una ripresa all’altezza delle sue aspettative.

#IoRestoaCasa

Nata spontaneamente sulla rete, #iorestoacasa è stata infatti rilanciata dal Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per ilTurismo, Dario Franceschini che invita a limitare le relazioni sociali per combattere la diffusione del Covid-19. «Ringrazio i tanti i protagonisti della musica, del cinema, dello spettacolo che in queste ore stanno promuovendo sui social la campagna #iorestoacasa. Un messaggio importantissimo per i ragazzi» ha twittato il Ministro Franceschini. Ma sono tanti, a Torino, in Piemonte e in tutta Italia, i musei che stanno postando sulla rete i propri capolavori invitando a scoprire da casa i segreti delle loro collezioni. «Sulla nostra pagina Instagram @museitaliani si possono trovare e ammirare i più grandi capolavori delle collezioni d’arte del nostro Paese» scrivono i social del Ministero invitando a perdersi in una galleria d’arte virtuale piena di ricchezza e bellezza.

In questo post – che aggiorneremo continuamente, man mano che arriveranno segnalazioni – intendiamo fornire aggiornamenti su tutto quanto e’ già disponibile online e sulle iniziative che si stanno mettendo in campo in questi giorni: collezioni permanenti, mostre temporanee, conferenze, spettacoli, webinar… Cercheremo di mappare tutto e restituirlo prontamente, affinché tutti possano avvalersene: studenti, insegnanti, appassionati –  anche solo annoiati.

L’elenco e’ organizzato in quattro sezioni:

  • Musei italiani
  • Parchi Urbani e Street Art
  • Spettacoli, Cinema, Intrattenimento
  • Musei Internazionali

I MUSEI ITALIANI CHE PUOI VISITARE DA CASA, ONLINE (elenco in continuo aggiornamento) 

 

L’esperienza di entrare in un museo e godere a pieno delle bellezze che esso racchiude è indescrivibile, ma nell’era digitale è possibile visitarne tantissimi con un solo clic.

In linea generale, per i musei italiani segnaliamo il sito Museionline che raccoglie informazioni su oltre 3.500 tra musei, fondazioni e gallerie. Qui e’ possibile trovare anche notizie, dati su eventi culturali e artistici, aggiornamenti su novità e iniziative culturali, mostre e sulla realtà museale italiana.

Ci piace però evidenziarne alcuni in particolare che, in queste settimane, si stanno distinguendo per la prontezza nel trasferire interamente online il dialogo con i propri fan.

Musei in Comune

Il sistema mussale dei Musei di Roma non si fa certo attendere. Alcuni dei musei piu gettonati possono essere fruiti anche da remoto, in modalità’ visita virtuale.

Si comincia con i Musei Capitolini, che si possono visitare virtualmente sul sito tourvirtuale.museicapitolini.org. Si può visitare gran parte del museo, dal Cortile al Palazzo dei Consevatori, dal tempio di Giove Capitolino all’Esedra di Marco Aurelio. E’ prevista anche una audio guida.

Oltre ai Musei Capitolini, virtualmente si possono visitare anche i Mercati di Traiano – Musei dei Fori Imperiali, qui il link è tourvirtuale.mercatiditraiano.it, si parte dalla Grande Aula fino ad arrivare alla Terrazza del Belvedere, dove godersi in virtuale uno splendido panorama di Roma. 

Infine, il museo dell’Ara Pacis, su tourvirtuale.arapacis.it

 

Gallerie Nazionali Barberini Corsini

Le Gallerie Nazionali Barberini Corsini, splendido museo di Roma in due location – Palazzo Barberini e le Gallerie Corsini di via della Lungara, per l’appunto – hanno sposato subito la campagna #iorestoacasa, forti di un’attenzione ai media digitali già’ ben strutturata.  

 

Gallerie Nazionali Barberini Corsini

 

Online, nel sito, erano già presenti circa sessanta capolavori dei due musei. Per le Gallerie Barberini Corsi la  narrazione social non si è mai fermata e continua con la programmazione, che è sempre molto narrativa e poco legata ad eventi. Da segnalare l‘hashtag #lacollezione che va online ogni sabato e racconta nel dettaglio un’opera del museo. Sui canali social del museo sono comunque disponibili rubriche tematiche dal martedì al sabato. 

Per chi volesse approfondire il tema del rapporto tra media digitali e patrimonio culturale, suggeriamo anche questo bel libro: “Musei e media digitali”, Carocci Editore. 

 

La sua autrice, Nicolette Mandarano, e’ Digital Media Curator proprio delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini.

 

Parco Archeologico del Colosseo

Tutta la ri-programmazione del Parco Archeologico del Colosseo è orientata nella direzione della fruizione social e digital da remoto.

 

 

Stay tuned: il super team del sito archeologico più visitato al mondo si sta organizzando velocissimamente per permettere ai visitatori che han dovuto rinunciare alla presenza on site di lasciarsi affascinare comunque dalla meraviglia di Colosseo, Fori e Palatino.

Segnaliamo anche la sezione del sito del Parco dedicata ai Mirabilia, attiva sempre, a prescindere dalle emergenze, e ricchissima di foto, informazioni e curiosità, e il Museo Palatino, che vi stupirà per la ricchezza delle opere.

Un’altra bella iniziativa del Parco, si sviluppa su Twitter. Si tratta di un Twitter thread dedicato alle Storie di Donne al Parco del Colosseo  Seguite il Parco Archeologico del Colosseo anche su Twitter per scoprire le mille storie che lo hanno popolato nei secoli e continuano a farlo ancora oggi, e per partecipare alle discussioni!

 

Triennale Decameron

Lanciata dalla Triennale di Milano lo scorso 3 marzo, Triennale Decameron: storie in streaming nell’era della nuova peste nera prende spunto dal Decamerone di Giovanni Boccaccio – che narra di un gruppo di giovani che nel 1348 per dieci giorni si trattengono fuori da Firenze per sfuggire alla peste nera e a turno si raccontano delle novelle per trascorrere il tempo – ma sposta la narrazione su Instagram

È un format che sfrutta bene le potenzialità dei social (nello specifico i live di Instagram: ogni pomeriggio alle 17 artisti, designer, architetti, intellettuali, musicisti, cantanti, scrittori, registi, giornalisti sono invitati ad “abitare” gli spazi vuoti di Triennale per sviluppare una personale narrazione.

 

Museo Egizio 

Anche Torino fa la sua parte online con la campagna #iorestoacasa.

Sotto la direzione di Christian Greco, il Museo Egizio ha ulteriormente rafforzato la sua presenza sui canali digitali e social. Uno sforzo che consolida il ruolo del museo come “attivatore” di energie e “motore” di divulgazione, formazione e crescita culturale. Da qualche tempo, sono diventati appuntamenti fissi di grande successo proprio quelli con il Direttore, grazie alle “pillole video” serali, ma anche le presentazioni dei reperti della collezione, proposte dagli stessi curatori, come questa:

 

ISTANTANEE DALLA COLLEZIONE | Ep. 4 "I vasi di Kha"

Oggi vi portiamo tra le mura domestiche dell’architetto Kha, o almeno tra quelle della sua tomba. Forse alcuni di voi, in questo momento, staranno sistemando la cucina, preparando il pranzo, cercando un posto per i mille, ma sempre utili contenitori di plastica. Nella tomba di Kha e Merit furono ritrovati molti contenitori per conservare cibi, olii e tutto il necessario per la sopravvivenza nell’aldilà.Ce ne parla Federica Facchetti, la curatrice responsabile delle Sale di Epoca Tarda, impegnata anche in progetti di inclusione sociale, didattica e nella redazione delle pubblicazioni divulgative per adulti e bambini….Today we’re bringing you into the “home” of the architect Kha, or more precisely, into his house of eternity.Perhaps some of you, right now, are tiding up the kitchen, looking for a place for the thousand, but always useful, plastic containers. In Kha and Merit's tomb many containers were found, to store food, oils and what was essential for the survival in the Afterlife.We leave the word to Federica Facchetti, the curator in charge of the Late Period Halls, who is also involved in social inclusion projects, education activities and the editing of publications for adults and children.

Pubblicato da Museo Egizio, Torino su Lunedì 9 marzo 2020

Leggera e divertente, ma non per questo meno interessante, anche la “sfida” lanciata al pubblico sui “gesti rituali”: ispirata dalla necessita di modificare i nostri gesti quotidiani per combattere l’emergenza Coronavirus, la rubrica suggerisce gesti dell’antico Egitto ancora oggi attuali: niente baci e niente abbracci, vietate anche le strette di mano? Bisogna allora trovare alternative per salutarsi e il Museo Egizio per riuscirci ha chiesto aiuto proprio agli antichi antenati, niente meno che attraverso i geroglifici.

 

Museo Egizio

È difficile riscoprire come ci si salutasse al tempo dei faraoni – si legge in un post su Facebook del Museo – ma i geroglifici possono aiutarci in questi giorni in cui dobbiamo trovare nuove modalità di ‘contatto’! Alcuni segni, che determinano parole e verbi, raffigurano gesti che usiamo ancora oggi“. E allora ecco alcuni esempi, dall’uomo inginocchiato con le braccia alzate che può essere utilizzato per dire “ti adoro” al geroglifico HeH che può essere tradotto con “milione” o “tanto” e che oggi possiamo utilizzare per dimostrare il nostro affetto. “Provate anche voi e condividete con noi il risultato!“, conclude il post.

 

Musei Reali 

Sempre a Torino, anche i Musei Reali sono soggetti già attivissimi sui social, come dimostrano le tante campagne per la cultura del passato.

 

Musei Reali Torino

 

La più recente, #museichiusimuseiaperti, scattato all’indomani delle prime restrizioni in vista dell’epidemia di Coronavirus, invita il pubblico sulle sue pagine social – Twitter, Instagram e Facebook – per ammirare i capolavori, gli oggetti preziosi e i reperti curiosi custoditi nelle collezioni.

Palazzo Grassi 

Venezia presente con Palazzo Grassi Teens, il programma rivolto alle scuole secondarie di I e II grado e basato sull’approccio peer-to-peer, che vuole avvicinare i ragazzi e le ragazze all’arte contemporanea attraverso le opere della prestigiosa Pinault Collection.

 
Il programma è costruito intorno al sito web teens.palazzograssi.it, uno strumento di mediazione didattica che permette ai giovani visitatori di scoprire gli artisti e le opere della collezione attraverso l’interpretazione fornita dai loro coetanei.

In queste settimane, le opere della Pinault Collection sono presentate attraverso i racconti dei ragazzi di PalazzoGrassiTeens sui canali social. Un modo per far dire dai ragazzi ai ragazzi #iorestoacasa e dare loro una voce e un ruolo attivo in un momento difficile per loro di socialità mancata!

 

Museo di Fotografia Contemporanea

MuFoCo Digital Exhibitions ospita la versione online di alcune mostre che sono state prodotte negli anni dal Museo per valorizzare le sue collezioni fotografiche insieme a nuove mostre digitali pensate appositamente per il web.

Attualmente trovate online una mostra dedicata a Federico Patellani, un omaggio a Gabriele Basilico, una mostra sulla Milano di ieri e di oggi e altre due dedicate alla fotografia astratta

Gallerie degli Uffizi

Le Gallerie degli Uffizi hanno approfittato delle giornate di chiusura forzata in tutta Italia per aprire la loro pagina Facebook  sulla quale sono condivisi video, foto e storie da tutti i musei che afferiscono agli Uffizi, e per lanciare la campagna Uffizi Decameron: obiettivo è quello di tenere compagnia, nel segno della grande arte, a tutti coloro che restano in casa per aiutare la campagna di prevenzione del contagio da coronavirus. 

Ogni giorno, gli Uffizi pubblicheranno sui loro canali social (Instagram, Twitter e la nuova pagina Facebook), sempre con hashtag #UffiziDecameron, le foto, i video e le storie sui capolavori custoditi nella Galleria delle Statue e delle Pitture, in Palazzo Pitti e nel Giardino di Boboli. Non mancheranno contenuti su Raffaello, data anche la sospensione della grande mostra alle Scuderie del Quirinale, alla quale gli Uffizi hanno prestato una cinquantina di opere sulle circa duecento che compongono la rassegna

 

Palazzo Beneventano

Il Parco del Contemporaneo di Lentini, in Sicilia, e’ una monumentale dimora di una delle casate più illustri dell’Isola, residenza nobiliare tra le più importanti di Lentini. 

 

Trasformato grazie allo storico G.Franco e alla storica dell’arte C.Pulvirenti e ai volontari di Italia Nostra in un grande polo culturale, vocato alle arti contemporanee in queste settimane, chiuso al pubblico, ha iniziato il racconto della sua collezione su Instagram. E’ anche possibile visitare Palazzo Beneventano in modalità ‘audio”, da qui.

Sulla pagina Facebook invece, ogni giorno tra le 16.00 e le 19.00 sara’ disponibile un documentario in video party con contenuti, aneddoti e storie legate ai luoghi della Sicilia orientale, nella fattispecie Lentini (bellissima, in provincia di Siracusa), tra memorie antiche e contemporanee.

 

Musei delle Dolomiti

Quello dei Musei delle Dolomiti Unesco e’ un sistema museale diffuso dedicato alle Dolomiti – Patrimonio Unesco. 

 

 

 

Musei delle Dolomiti presenti, sul pezzo, con la campagna #DolomitesMuseum lanciata proprio con l’inizio dell’emergenza. Si tratta di un racconto tematico in sette appuntamenti, ognuno corrispondente ad un approfondimento, che i Musei delle Dolomiti costruiscono in modo partecipato con le comunità locali e che viene poi reso disponibile e consultabile grazie alle mappe Google.

Gli abitanti delle zone dolomitiche, quindi, o anche chi le conosce comunque molto bene, possono partecipare alla narrazione collettiva.  Più di 100 storie sono state già raccolte, oltre 20 i musei del territorio partecipanti: un vero e proprio coro che #DolomitesMuseum intende far crescere di settimana in settimana, di vallata in vallata!

I primi contenuti aggregati, dedicati ai riti della montagna, sono già disponibili online.

 

Galleria Nazionale dell”Umbria

Una magnifica collezione che raccoglie un gran numero di opere dell’arte umbra ed alcune tra le più significative opere dell’arte dell’Italia centrale, dal XIII al XIX secolo.

 

La programmazione dei canali social e’ serratissima: una rubrica o un evento diversi ogni giorno, per allenare ad un ritmo di cui poi, ne siamo sicuri, non riusciremo più a fare a meno: uno sguardo ai depositi, consigli su letture tematiche e non, memorie dall’archivio digitale, il “dietro le quinte” alla scoperta di trucco e parrucco delle opere ospiti del museo, visite virtuali, playlist e musica direttamente da Spotify.

La pagina Facebook e’ quella da tenere d’occhio!

 

I PARCHI DI ARTE URBANA

Maua & #MauaChallenge

MAUA sta per Museo di Arte Urbana Aumentata: un museo diffuso, a cielo aperto, fuori dai soliti percorsi, fuori dal centro, che presenta opere di street art e murales sorprendenti. L’esperienza e’ aumentata dalla forma digitale: una volta sul posto, inquadrata con lo smartphone, l’opera si trasforma in un lavoro di digital art, animata in realtà aumentata.

MAUA e’ presente a Palermo, Milano e Torino. 

MAUA - Museo Arte Urbana Aumentata

 

Fino al 15 marzo, e RIGOROSAMENTE RISPETTANDO LE PRESCRIZIONI DEL GOVERNO IN MATERIA DI SICUREZZA che trovate qui (e, quindi, NON in gruppo e comunque mantenendosi SEMPRE ad almeno 2 mt di distanza da altre persone) e’ possibile partecipare alla #MAUAChallenge, riservata agli studenti delle scuole superiori e delle università a Milano, Torino e Palermo.

Le informazioni e il regolamento di gioco per #MAUAChallenge sono disponibili qui.

 

Badia Lost & Found

Un parco urbano d’arte urbana a Lentini, in Sicilia. Un brillante progetto di arte urbana in cui memorie e storie del contesto riemergono con forme, soluzioni e tavolozze inedite.

 

 

L’operazione “Badia Lost & Found” fa rivivere  il quartiere della “Badia” a Lentini, luogo di memorie e custode di un patrimonio storico e artistico dimenticato nell’entroterra siculo. Un’operazione di restauro materiale e culturale che lavora sulla dimensione creativa per sviluppare un parco artistico urbano che fonde materiale e immateriale. Un progetto attivo fin da subito anche sui canali digitali e che sceglie forme di relazione con il pubblico dirette, immediate, efficaci.

Sulla pagina Facebook ogni giorno tra le 16.00 e le 19.00 sarà disponibile un documentario in video party con contenuti, aneddoti e storie legate ai luoghi antichi e contemporanei della Sicilia orientale


GLI SPETTACOLI E L’INTRATTENIMENTO

 

SKY ARTE

Anche Sky Arte scende in campo per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, offrendo a tutti, e in maniera gratuita, l’opportunità di accedere al meglio del suo palinsesto, trasmesso in streaming qui e su IGTV Sky Arte.

 

Le Musichall: cabaret, teatro e danza in streaming

Bellissima l’iniziativa di Le Musichall di Torino, che opta per il “teatro in streaming”: gli spettacoli che avrebbero dovuto tenersi dal vivo saranno comunque in scena ma gli spettatori potranno fruirne online, grazie allo streaming. Qui il messaggio del direttore artistico, Arturo Brachetti: anche il grande artista internazionale non interrompe il suo show ma sceglie di offrirlo, in parte, online:

 

Arturo Brachetti lancia "Le Musichall Live" – #LaCulturaNonTiAbbandona

#LaCulturaNonTiAbbandona"Se gli spettatori non possono venire a teatro, cerchiamo di portare il teatro agli spettatori".Mercoledì 11 Marzo, Milonga@LMH – tangoGiovedì 12 Marzo, Banditi – standup Sabato 14 Marzo, Gipsy Party – concertoMercoledì 18 Marzo, Milonga@LMH – tangoGiovedì 19 Marzo, Turin Cats – lindy hop Sabato 21 Marzo, Sirianni – omaggio a GaberMercoledì 25 Marzo, Milonga@LMH – tangoGiovedì 26 Marzo, Bananazilla – cabaretSabato 28 Marzo, Ugo Sanchez – Rio Boom Boom

Pubblicato da Le Musichall su Domenica 8 marzo 2020

“Il teatro e’ come l’amore, bisogna farlo dal vivo!” ricorda Brachetti ma, in attesa di viverne di nuovo presto l’emozione live, ci si organizza cosi. “La cultura non ti abbandona” e’ il suo motto e quello degli artisti di Le Musichall

Curatori e attori del programma hanno deciso che #LaCulturaNonSiFerma e che, per ora, si sposta in digitale. La programmazione e’ la stessa prevista in sala, date e orari non cambiano ma dal cabaret, al tango, alle lezioni di Lindy Hop, si terranno online. Fate spazio in salotto, gli artisti arrivano a casa vostra!

 

Cineteca Milano

Perle d’archivio online e’ il titolo dell’iniziativa della Cineteca Milano, che dà il suo contributo offrendo al pubblico l’opportunità di accedere al proprio archivio attraverso la Videoteca di Morando che offre una vasta selezione di film consultabili comodamente da casa grazie al servizio di streaming online.

Nel catalogo online della Cineteca Milano sono attualmente presenti più di 500 titoli e ogni settimana vengono caricati oltre 20 film, documentari, spezzoni e materiali di archivio.

Tra i titoli disponibili, grandi capolavori del cinema muto, materiali legati alla storia di Milano come Cinque anni in un giorno, e anche piccole perle della storia del cinema come Il bacio di Comerio (1914) che ci mostra, per la prima volta al cinema, il primo reporter cinematografico della storia, il milanese Luca Comerio.

Per accedere al catalogo dei film è sufficiente registrarsi e loggarsi tramite il sito.

 

Quinte Parallele: i concerti social

La musica, come gran parte delle iniziative sociali che popolano le nostre giornate, rischia di fermarsi davanti al propagarsi del virus.

 

 

Quinte Parallele scongiura questo rischio e inaugura #Musicgoesviral, la prima stagione assoluta di ‘concerti social’: da lunedì 9 marzo fino a venerdì 3 aprile, le pagine di Instagram e Facebook di Quinte Parallele si trasformeranno in un vero e proprio palcoscenico virtuale.

 

Auditorium Parco della Musica

Torneremo a riempire le piazze,ma adesso è tempo di restare a casa.
Perché “In cuore abbiamo tutti un Cavaliere pieno di coraggio, pronto a rimettersi sempre in viaggio

(G.Rodari)

#iorestoacasa e’ anche il messaggio di Auditorium Parco della Musica di Roma, che continuerà ad arricchirci di cultura con i contenuti di #AuditoriumLives, come spiegato nel video. 

 

Ogni aggiornamento sarà disponibile qui

 

Teatro Massimo TV

“Non vi lasceremo senza musica – afferma il Sovrintendente Francesco Giambrone – ve la porteremo a casa attraverso smartphone, computer e tv. Abbiamo investito molto in questi anni sulle nuove tecnologie e sul digitale e oggi contiamo su questi strumenti per restare operativi e rimanere in contatto con il nostro pubblico”.

La programmazione inizia con La Traviata e prosegue su base settimanale. Sul sito del teatro, tutti gli aggiornamenti

Per accedere alla web tv del Teatro Massimo basta collegarsi al sito all’ora dell’evento (da smartphone, tablet, computer o smart tv) e cliccare su “Guarda”

 

 

Balloons Production – Teatro Immune

#TEATROIMMUNE è la prima rassegna virtuale di video teatrali dal 9 marzo al 18 marzo sul canale Youtube “Balloons Production”. A partire da lunedì 9 marzo, ogni sera, caricheranno sul loro canale youtube uno spettacolo teatrale  Sarà un vero e proprio appuntamento a teatro.

Lo spettacolo comincerà alle 21 e sarà online per tutta la durata dello stesso. Una volta terminato verrà rimosso. #TEATROIMMUNE è un’iniziativa senza scopo di lucro ma con l’unico intento di tenere vivo il teatro e la cultura. #TEATROIMMUNE è teatro nonostante tutto.

 

FUMETTI

LO SPAZIO BIANCO

 

A cura del Lo Spazio Bianco, storico repository di informazioni dal mondo del fumetto, una lista in continuo aggiornamento di fumetti a disposizione in lettura o download gratuito. Li trovate tutti qui 

 

ARTRIBUNE

Anche Artribune, la testata di riferimento per l’arte e gli eventi culturali italiani, ha compilato una lista di tutti gli editori di settore che rendono disponibili in forma gratuita i loro cataloghi. 

Fumetti gratuiti

Trovate la lista qui, anche questa e’ in continuo aggiornamento

 


MUSEI INTERNAZIONALI

Molti musei sparsi in tutto il mondo avevano già digitalizzato le proprie collezioni e le avevano rese disponibili online. Fare un elenco completo sarebbe impossibile; ne segnaliamo alcuni, partendo da quelli che crediamo fossero oggetto di desiderio di tanti turisti che han dovuto rinunciare, per ora, a visitarli di persona. 

 

Iniziamo il nostro tour dall’Italia con i Musei Vaticani di Roma che contengono al loro interno una vasta collezione d’arte e sculture classiche volute dai vari Papi nel corso dei secoli. È possibile fare un tour virtuale del giardino del museo qui e della Cappella Sistina qui.

musei vaticani
 

Hermitage

Per chi, chiuso in casa, vuole impegnare 5 ore, 19 minuti e 28 secondi visitando un museo, può farlo girando per le sale e le collezioni dell’Museo Hermitage. Ma potete anche scegliere di farlo in comode rate, eh!
Il video è girato in un’unica scena ed è un continuo procedere all’interno di uno dei musei più belli al modo.
Un consiglio: se ne avete una a disposizione, optate per vederlo sullo schermo di una TV ad alta definizione. Ne vale davvero a pena.
#iorestoacasa e giro per musei, e’ proprio il caso di dirlo!

 

Louvre

A Parigi, uno dei più grandi musei d’arte del mondo. Il museo offre visite guidate gratuite online su mostre dedicate all’antichità egizia e permette uno sguardo a 360 gradi dei suoi meravigliosi interni  (info qui).

 

 

Guggenheim Museum

Progettato da Frank Lloyd Wright, il Guggenheim è un’opera d’arte fin dalla “confezione”. E ora che non possiamo volare fino a New York per visitarlo, non possiamo che ringraziare la sua lungimiranza: le collezioni e alcune delle mostre sono annualmente online. Info qui.

guggenheim museum
 

 

British Museum

Uno dei musei archeologici migliori al mondo, collezioni mozzafiato e oltre otto milioni di oggetti e reperti, tra i quali anche molti pezzi unici delle città romane di Pompei ed Ercolano. Molti sono fruibili anche online, li trovi qui.

 

 

 

National Gallery of Art

Parte del circuito dei musei gratuiti della città di Washington, la National Gallery offre un tour virtuale della sua galleria, che spesso ospita anche mostre. Trovi tutto qui.

 

 

Dalì Theatre Museum

Dalla città di Figueres in Catalogna, in Spagna, che Dali elesse a suo luogo del cuore, il Dalì Theatre Museumè completamente dedicato al grande artista. Ci sono numerose stanze che ripercorrono la vita e le opere. Lo stesso artista e’ sepolto qui. Il tour virtuale – che trovi qui – permette di godere a pieno di alcune opere iconiche.

 

 

Nasa

Per gli appassionati la NASA offre tour virtuali liberi dei propri centri di ricerca spaziale, e sono piu di uno! Quello di Houston, e’ guidato da un robot animato, Audima. Ma anche quello del Glenn Research Centre e’ tutto da scoprire!  centro spaziale di Houston con una guida turistica molto particolare: un robot animato chiamato Audima.  E poi c’e’ l’Hubble Control Center e… Una meraviglia. Fate un giro, partite da qui.

 

Smithsonian National Museum of Natural History

È uno dei musei più visitati al mondo con uno scrigno di tesori infinito. Anche qui, potete trascorrere ore meravigliose grazie al tour virtuale online, che permette agli spettatori di visitare tutte le sale, incluse quelle dei dinosauri. Sono qui

 

smithsonian national museum of natural history

 

Metropolitan Museum Of Art

Il MET è casa per oltre due milioni di opere d’arte, ma non c’è bisogno di essere a New York per goderne.

La pagina Google Art del museo ospita una raccolta online e tour virtuali di alcuni dei suoi più impressionanti pezzi, tra cui opere di Vincent van Gogh, Jackson Pollock e Giotto. Ma se volete proprio rischiare la sindrome di Stendhal, vi consigliamo un giro per le sale dell’arte greca e romana.E le mostre… Oh, le mostre! Ora trovate online Vermeer, Dior, Bruegel, solo per citarne alcune. E poi il 360Degree tour… Storditevi di bellezza, qui

 

 

Google Art Project

Per aiutare gli utenti a scoprire le opere d’arte online, Google con la collaborazione di un numero enorme di musei e gallerie ha archiviato pezzi inestimabili. Trovate qui infinite possibilità di meraviglia, da tutto il mondo. Davvero un “Giro del Mondo” del patrimonio che ci definisce e per compiere il quale, ne siamo sicuri, non basteranno questi nostri giorni di quarantena.  Se volete anche approfondire il progetto, la sua architettura, i suoi sviluppi, potete leggerne qui.

 


Si ringraziano Dominella Trunfio e GreenMe, Parco Archeologico del Colosseo, Gallerie Nazionali Barberini Corsini e i molti ontributi dei nostri follower.

Questa lista non e’ certo esaustiva, né pretende di esserlo. Ci farà piacere ricevere segnalazioni e contenuti per integrarla e per offrirvi nuovi spunti di esplorazione. Per contattarci, utilizzate la funzione “messaggi” della pagina Facebook di Maker Faire Rome. Grazie!