Attenzione: Questa pagina è in continuo aggiornamento


M.H.A. - Skyray Monitoring via Hybrid Aircraft

M.H.A. - Skyray Monitoring via Hybrid Aircraft

M.H.A. - Skyray è un velivolo ibrido che è capace di combinare la portanza dell’ala, caratteristica degli aerei, con il sistema di propulsione ad eliche utilizzato dai quadricotteri. È un velivolo completamente autonomo, capace di trovare largo impiego nel campo del monitoraggio, specialmente in luoghi in cui sono appena avvenuti disastri naturali, zone in cui gli operatori umani faticano a cercare eventuali superstiti.

Il profilo alare consente al velivolo di planare, risparmiando quindi energia rispetto alla tipica configurazione da quadricottero (incrementando la propria autonomia), pur mantenendo la possibilità di decollare e atterrare verticalmente

Per rendere autonomo nel volo e nelle operazione di decollo e atterraggio il velivolo serve una intelligenza a bordo.
In base alla nostra esperienza pregressa abbiamo scelto la scheda VRBRAIN creata da Virtual Robotics, già testata ampiamente su droni anche di larga diffusione come C-Drone. Si tratta di un sistema open source e open hardware, programmabile in C/C++ considerando che lo si può collegare a terra tramite ground station dotata di software come Mission Planner e APM planner.

Oltre al percorso con le varie altitudini, si può programmare l’acquisizione e la gestione dati e la reazione del sistema rispetto a problemi dettati dalle condizioni meteorologiche e dallo stato di carica della batteria.

Con questo progetto ci siamo iscritti alle Olimpiadi della robotica organizzate dal MIUR e da “Scuola di Robotica” e siamo stati selezionati tra i vari progetti per partecipare alla finale nella quale abbiamo ottenuto il premio Maker Faire.
Italy


M.H.A. - Skyray Monitoring via Hybrid Aircraft

Rainerum Robotics

Il gruppo Rainerum Robotics è composto da ragazzi appassionati di robotica che utilizzano anche il loro tempo libero al di fuori dell’orario scolastico. I componenti più esperti, facenti parte da qualche anno del gruppo, trasmettono le proprie competenze ai nuovi entrati tramite tutoraggio peer to peer e affiancamento durante le sessioni di lavoro, in questa maniera il patrimonio di competenze acquisito si conserva all’interno del gruppo.
E’ proprio grazie a questo metodo di lavoro che il gruppo può far tesoro di tutta l’esperienza acquisita in oltre 18 anni di progetti.


Stand B2 (pav. 9) - Istituto Salesiani Rainerum


Back
 
Dati aggiornati il 20/10/2019 - 17.32.19