Attenzione: Questa pagina è in continuo aggiornamento


Bambini e tecnologia: nuove soluzioni per l’apprendimento e lo sviluppo
Bambini e tecnologia: nuove soluzioni per l’apprendimento e lo sviluppo

Bambini e tecnologia: nuove soluzioni per l’apprendimento e lo sviluppo

Il progetto consiste nello sviluppo di soluzioni tecnologiche per aiutare i bimbi delle scuole primarie ad imparare concetti aritmetici e geometrici tramite l’uso di modalità sensoriali diverse dalla visione. Gli strumenti principali si basano sull’utilizzo di un sistema aptico (capace di manovrare un oggetto virtuale) e di giochi che sfruttano il movimento del corpo in realtà virtuale, dimostrando l’importanza di un nuovo approccio pedagogico basato sull’utilizzo di un apprendimento attivo e multisensoriale.
Tra le tecnologie sviluppate, il progetto include la descrizione di un tablet audio-tattile (Audiobrush) per aiutare bambini vedenti e non vedenti a sviluppare memoria e attenzione.
Italy


Bambini e tecnologia: nuove soluzioni per l’apprendimento e lo sviluppo

Walter Setti, Monica Gori

Walter Setti ha conseguito la laurea in Ingegneria Biomedica presso l’Università degli Studi di Genova (cum laude), curriculum Neuro-ingegneria nel 2016. Dopo la laurea ha iniziato un dottorato presso l’Università degli Studi di Genova in collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) sotto la supervisione di Monica Gori e Giulio Sandini nella Unit for Visually Impaired People (U-VIP). Durante il dottorato sta lavorando allo sviluppo di tecnologie per i non vedenti, in particolare per lo studio e l’eventuale riabilitazione delle capacità cognitive (memoria spaziale ed attenzione). Attualmente sta terminando il terzo anno del suo dottorato.

Monica Gori si è laureata in Psicologia all’Università di Firenze nel 2004 (cum laude). Dal 2002 al 2006 ha lavorato al CNR di Pisa nel laboratorio di David Burr. Ha ottenuto il PhD nel Gennaio 2009 all’Università di Genova in Humanoid Technologies sotto la supervisione di David Burr e Giulio Sandini. Dal 2009 al 2013 ha conseguito un post doc presso la unit di Robotics, Brain and Cognitive Sciences (RBCS) all’Istituto Italiano di Tecnologia. Attualmente ha una posizione di tenure track researcher ed è capo della unit for visually impaired people (U-Vip) all’Istituto Italiano di Tecnologia. Monica è una esperta di sviluppo, integrazione multisensoriale, riabilitazione e disabilità visiva.


Stand E6 (pav. 7) - Istituto Italiano di Tecnologia


Back
 
Dati aggiornati il 20/10/2019 - 17.32.19