Emissioni Zero: 1 milione di euro a città

  13 Febbraio 2020  >   Flash · Progetti · Ultime notizie

Emissioni Zero: le città all’avanguardia, da Bristol a Barcellona, stanno testando nuovi modi per ridurle e migliorare la qualità della vita.

Ridurre le emissioni di CO2, migliorare la qualità della vita , ripensare le città entro il 2030.Questo il mantra delle principali metropoli mondiali e c’è un programma che stanzia 1 milione di euro l’anno per 5 anni per quelle città che sapranno creare azioni efficaci.

L’esempio di Bristol

Bristol, alla fine del 2018 è diventata la prima città britannica a dichiarare “l’emergenza climatica”. Di conseguenza ha annunciato un programma per ridurre le emissioni di riscaldamento del pianeta a zero netto entro il 2030.

Insolitamente, l’obiettivo copre non solo le emissioni di elettricità, gas e carburante di trasporto utilizzate in città, ma anche le emissioni generate nella produzione di beni e servizi.

Ma i lavori per spostare la città portuale nel sud-ovest dell’Inghilterra su un percorso più pulito erano iniziati molto prima, anche prima della decisione iniziale di Bristol del 2015 di diventare carbon neutral entro il 2050, ha affermato Kye Dudd, consigliere del lavoro che guida i lavori sui trasporti e l’energia.

“La sfida del 2030 non era cosa facciamo al riguardo? A Bristol, è stato come accelerare ciò che stiamo facendo” 

Diversi mesi prima, Bristol aveva invitato tutte le imprese a unirsi alla città per dar vita a progetti di energia pulita e infrastrutture green per un valore di circa 1 miliardo di sterline (1,3 miliardi di dollari).

La città prevede di scegliere un partner per il programma denominato “City Leap” entro la fine di questa estate.

La municipalità spera di poter sviluppare:

  • una maggiore capacità di energia solare ed eolica
  • espandere la rete di teleriscaldamento
  • implementare l’energia intelligente e la tecnologia delle batterie

In tutto il mondo le grandi città sono alla ricerca di nuovi modi per ridurre le emissioni più rapidamente 

I problemi da affrontare sono:

  • alluvioni
  • ondate di calore
  • innalzamento del livello del mare,
  • migliorando della qualità della vita

Secondo il gruppo The Climate Mobilization, che sta cercando di convincere i governi a rispondere con urgenza ai cambiamenti climatici, oltre 1.300 governi locali in circa 25 paesi hanno ora dichiarato “un’emergenza climatica”.

Ciononostante, tradurre le dichiarazioni in un’azioni concrete è una vera sfida poiché  è necessario un cambiamento generale di mentalità su tutti i livelli.

Ma, per ridurre radicalmente l’impronta di carbonio di una città, occorre un programma decennale.

Come riuscirci?

Un altro modo per proteggere le politiche ecologiche è che i governi locali coinvolgano le imprese e i gruppi della società civile come partner alla pari nella spinta ad affrontare i cambiamenti climatici

A gennaio, il municipio di Barcellona ha  dichiarato un’emergenza climatica, ma solo dopo aver tenuto una serie di consultazioni pubbliche nei tre mesi precedenti, che hanno coinvolto rappresentanti di circa 200 organizzazioni, hanno lanciato un piano d’azione globale.

Il documento contiene oltre 100 misure per consentire alla città di raggiungere un obiettivo più rigoroso di riduzione delle emissioni del 50% entro il 2030 e anche di aiutare i residenti ad adattarsi agli impatti dei cambiamenti climatici, sostenuti da 563 milioni di euro (623 milioni di dollari) di denaro pubblico.

Le azioni includono:

  • la riduzione delle auto private sulle strade di Barcellona,
  • ​​l’efficienza energetica degli edifici residenziali,
  • la produzione di più energia rinnovabile,
  • l’aumento della raccolta e del riciclaggio dei rifiuti di casa
  • l’aggiunta di spazi verdi, soprattutto nelle scuole.

L’annuncio è arrivato subito dopo l’introduzione della zona a basse emissioni della città, che mira a contenere l’inquinamento dei veicoli.

Aumentare la consapevolezza tra gli abitanti della salute e degli altri benefici della riduzione dell’uso di auto private e dell’inquinamento atmosferico che genererà sarà una parte importante del piano “aria e clima”.

Milano e l’emergenza climatica

L’anno scorso Milano ha dichiarato un’emergenza climatica e approvato obiettivi per raggiungere gli standard europei per l’aria pulita entro il 2025, nonché per ridurre le emissioni di carbonio del 45% entro il 2030.

Il nuovo piano si baserà sugli sforzi in corso per espandere il trasporto pubblico, elettrificare tutti gli autobus pubblici e risparmiare sui consumi energetici degli edifici-

Milano è una delle 15 città che ricevono il sostegno di un’iniziativa finanziata dall’Europa per sperimentare nuovi approcci per raggiungere grandi obiettivi sul cambiamento climatico.

EIT Climate-KIC 

Il programma EIT Climate-KIC  “Deep Demonstrations” ,  prevede di raggiungere 100 città entro il 2030 e assegnerà a ogni città 1 milione di euro all’anno per cinque anni per creare “azioni climatiche radicali”.

Da Barcellona a Bristol e da Vancouver a Londra, i proprietari di case e le imprese possono ora acquistare energia pulita procurata dalle società energetiche municipali a un prezzo competitivo, ad esempio.

Potrebbero essere istituite entità simili per gli sforzi di sovralimentazione per consumare più cibo coltivato localmente o per città verdi come Milano che prevede di piantare 3 milioni di alberi entro il 2030.

 

Leggi articolo completo in Inglese qui

 

Maker Faire Rome The European Edition si impegna da ben sette edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno.

Seguici e cercheremo di darti  informazione che ti consentiranno di approfondire le tematiche di tuo interesse anche iscrivendoti alla nostra newsletter qui